Task Force Management

Se vuoi vincere, corri con noi!

Codice Etico

Codice Etico

In linea con gli impegni dichiarati e assunti con il Codice Etico, nel corso del 2017 Task Force Management S.r.l. adotta un Modello di organizzazione, gestione e controllo previsto dal Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, che ha introdotto un regime di responsabilità amministrativa — ma di fatto penale — a carico delle società per alcune tipologie di reati.

Il Modello, un ulteriore passo verso il rigore, la trasparenza e il senso di responsabilità nei rapporti interni e con il mondo esterno, è stato adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione di Task Force Management S.r.l..

Premessa
Task Force Management è una società di consulenza di direzione nata con l'obbiettivo di incrementare il valore e l'efficienza delle organizzazioni sue clienti, partecipando, e spesso guidando, i clienti stessi clienti all'elaborazione di nuove strategie in grado di garantire risultati concreti e il raggiungimento di elementi solidi e duraturi di competitività. È operativa in Italia Negli uffici di Riccione e presso le sedi dei singoli associati.
Nello svolgimento della propria attività Task Force Management intende, nel pieno rispetto dei valori fondanti dell’azienda, cioè etica, indipendenza, trasparenza dei comportamenti:
1. Creare valore per i propri clienti.
2. Creare valore per i propri azionisti e sviluppare l’azienda a lungo termine
3. Contribuire al benessere e alla crescita professionale dei dipendenti e dei collaboratori
4. Essere uno degli attori di riferimento nel processo di innovazione dei settori in cui opera.
La Mission e i valori ad essa associati

La mission di Task Force Management rappresenta non solo le aspirazioni della società, ma anche ciò che la contraddistingue da tutte le altre.

Il nostro cliente è un valore. Creiamo valore al cliente per aumentare il valore della sua azienda. Il nostro cliente è un valore. Non può esserci alcun piano strategico senza una vera e profonda conoscenza del cliente e del mercato in cui opera, delle sue esigenze espresse e recondite, tangibili e intangibili. Questo principio viaggia con noi e influenza l'approccio che adottiamo con i nostri clienti e con il mercato in cui operano le aziende che si affidano a noi. Solo dopo un'attenta indagine sul cliente ridisegniamo tutti i processi aziendali al fine di creare valore per il nostro cliente e per il suo mercato.
Aiutiamo l'eccellenza. Le competenze nascono dalla comunione di molteplici esperienze maturate nel tempo dagli uomini e dai professionisti che collaborano con Task Force Management. Mettiamo le nostre competenze al servizio di aziende, trasferendole con sapienza e metodo, fortemente orientate al miglioramento e all’innovazione al fine di renderle "AZIENDE ECCELLENTI". Uno dei nostri obiettivi è coniugare competenze ed economicità, strategia e organizzazione, tecnologia e gestione dei processi, orientando il tutto al risultato.Manager che dialogano con manager soppesando ogni intervento e misurandone gli effetti qualitativamente e quantitativamente, con il solo e unico obiettivo di creare vantaggi concreti e immediati per il cliente e creare le condizioni affinché, gli stessi vantaggi, resistano nel tempo. Un risultato in grado di essere percepito, vissuto e gestito dal management dell'azienda grazie ai metodi di analisi e controllo mutuati dal periodo di attività svolto con la nostra società.
I valori della Mission Task Force Management:
1. Eccellenza nelle competenze da perseguire sempre. Orgoglio nella qualità professionale del nostro lavoro. Il nostro patrimonio più importante sono le persone e la reputazione.
2. Uno spirito, un atteggiamento imprenditoriale che va oltre i diversi ruoli organizzativi. È compito di tutti indicare, suggerire, innovare modi migliori di lavoro e di soddisfazione dei bisogni del cliente
3. Attenzione al cliente nel lungo periodo, a volte anche sacrificando i nostri risultati nel breve.
Il presente Codice Etico aderisce alla Mission e ai valori del Gruppo, e attraverso questi delinea le regole di condotta. Il rispetto di questi principi da parte di tutti coloro che lavorano in Task Force Management o per suo conto, è di fondamentale importanza per il corretto svolgimento delle attività, oltre che per l’immagine di serietà e affidabilità di Task Force Management.

Allo stesso tempo Task Force Management si impegna a richiedere a chiunque lavori con le società del Gruppo (collaboratori, fornitori, clienti) di adottare una condotta in linea con i principi generali di tale Codice e, a questo scopo, di comunicare i suoi contenuti a chiunque intraprenda relazioni con la Società.

Task Force Management opera in un contesto altamente competitivo ed in continua evoluzione, normativa e tecnologica, ed è pertanto indispensabile che la sua attività sia basata su principi di chiarezza e trasparenza, fedele osservanza della legge, rispetto degli interessi di clienti, fornitori, dipendenti, istituzioni e della collettività nel suo complesso.

Questo Codice Etico costituisce parte integrante del “Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo” adottato da Task Force Management ai sensi del Decreto Legislativo n. 231/2001. I principi e le regole del Codice costituiscono le specifiche generali di un sistema di regole operative e comportamentali basate su obblighi di diligenza, onestà, fiducia che qualificano la performance aziendale, le attività lavorative e la condotta che ciascun dipendente o collaboratore è obbligato ad osservare.

Destinatari
Sono destinatari (di seguito i “Destinatari”) del presente Codice Etico di Task Force Management (di seguito la “Società”) e si impegnano al rispetto del contenuto dello stesso:
1. Gli amministrator, i soci operativi e i dirigenti di Task Force Management (cosiddetti soggetti apicali)
2. I dipendenti di Task Force Management.
In forza di specifica accettazione o in forza di apposite clausole contrattuali possono essere destinatari di specifici obblighi per il rispetto del contenuto del Codice Etico i seguenti soggetti esterni (di seguito i “Soggetti Esterni”):
1. Mandatari, collaboratori, consulenti e in generale i soggetti che svolgono attività di lavoro autonomo
2. Fornitori e partner (anche sotto forma di associazione temporanea di imprese, nonché di joint-venture).
L’adozione di standard etici di comportamento coerenti con quelli indicati nel Codice Etico è un dovere morale dei Destinatari, al fine di perseguire gli obiettivi aziendali secondo i principi di integrità, trasparenza, legalità ed imparzialità nel pieno rispetto della normativa nazionale ed internazionale.

In particolare, ai Destinatari viene chiesto di:
1. Comportarsi in linea con quanto indicato nel Codice Etico
2. Informare immediatamente l’Organismo di Vigilanza della Società di eventuali violazioni del Codice, non appena ne vengono a conoscenza
3. Richiedere, qualora necessario, interpretazioni o chiarimenti sui principi di comportamento definiti di seguito. A questo proposito il dipendente farà riferimento al proprio responsabile gerarchico per ottenere indicazioni e chiarimenti
Codice etico e di condotta aziendale

Introduzione
La violazione degli standard di questo Codice sarà soggetta a sanzioni disciplinari.

Il Codice Etico esprime e racchiude i diritti, i doveri e le responsabilità di Task Force Management nei confronti di tutti i soggetti con i quali la società entra in relazione per il conseguimento del proprio oggetto sociale (clienti, fornitori, dipendenti e/o collaboratori, azionisti e soci, organi di vigilanza, istituzioni). Il Codice rappresenta una disposizione le cui regole di condotta devono essere sempre tenute in considerazione nel lavoro quotidiano, e presuppone il rispetto assoluto delle leggi e dei regolamenti vigenti, anche interni alla società.

Questo Codice stabilisce gli standard etici e le norme comportamentali che devono guidare i processi decisionali aziendali e la condotta della società in generale. Il Codice richiede a tutti i suoi interlocutori una serie di comportamenti coerenti rispetto ai principi etici aziendali, e contribuisce ad attuare la politica di responsabilità sociale del Gruppo.

Esso, pur non prevedendo ogni singola tematica e/o problema che può presentarsi nell’operatività quotidiana, delinea in ogni caso i principi di base cui attenersi. Tutti i dipendenti devono dunque assumere comportamenti in linea con questo Codice e tali da evitare anche il semplice sospetto di un comportamento improprio. Il contenuto di questo codice deve trovare riscontro anche nei comportamenti di tutti coloro che operano per conto della società.

Il Codice Etico ed i suoi aggiornamenti sono portati a conoscenza di tutti i Destinatari (interni ed esterni) mediante adeguata e coerente attività di comunicazione e diffusione.

Valori fondamentali
Tutti i comportamenti tenuti dai Destinatari del Codice nell’esercizio delle proprie attività devono essere improntati alla massima integrità, onestà, correttezza, lealtà, trasparenza, equità, obiettività, oltre che al rispetto della persona ed alla responsabilità nell’uso dei beni e delle risorse aziendali, ambientali e sociali.

Ognuno, nell’ambito delle responsabilità connesse al ruolo ricoperto, deve fornire il massimo livello di professionalità di cui è capace per soddisfare in modo appropriato i bisogni dei clienti e degli interlocutori interni.

L’aderenza ai valori della Mission costituisce il perno attorno a cui far ruotare i comportamenti giornalieri. Lo sviluppo dello spirito di appartenenza a Task Force Management ed il miglioramento dell’immagine aziendale rappresentano obiettivi comuni, che indirizzano costantemente la condotta di ciascuno.

Conformità alla legge e ai regolamenti
Il rispetto delle leggi di tutti i Paesi nei quali Task Force Management si trova ad operare è il fondamento su cui sono costruiti gli standard etici del Gruppo stesso. Task Force Management è pertanto impegnata a promuovere e a richiedere il rispetto della normativa interna e/o di tutte le leggi da parte del personale, collaboratori, clienti, fornitori e qualsiasi altro soggetto terzo con cui intrattenga rapporti giuridici. 

Prevenzione e gestione dei conflitti di interesse
Nella conduzione di ogni attività, Task Force Management evita situazioni in cui i soggetti coinvolti nelle transazioni siano, o possano anche solo apparire, in conflitto di interesse. I dipendenti e i collaboratori sono tenuti ad evitare di conseguenza ogni situazione simile, e ad astenersi da ogni attività che possa contrapporre un interesse personale e/o familiare a quelli della Società, o che possa interferire ed intralciare la capacità di assumere, in modo imparziale ed obiettivo, decisioni nell’interesse della stessa Task Force Management.

Ogni situazione di conflitto di interessi, anche indiretta o potenziale, deve essere tempestivamente riferita agli organi deputati. 

Informazioni riservate ed insider trading
Tutte le informazioni non pubbliche riguardanti la società devono essere considerate confidenziali. Le informazioni confidenziali includono tutte quelle informazioni non pubbliche che potrebbero essere usate dalla concorrenza o essere dannose per la società, i suoi clienti, i fornitori, se divulgate. Le informazioni riservate includono anche: la proprietà intellettuale, i marchi, i copyright, nonché il business, il marketing, le programmazioni delle attività, i progetti, i database, i verbali, le informazioni riguardanti i clienti e i fornitori, le informazioni salariali e tutti i dati e i report non pubblici. L’utilizzo o la distribuzione non autorizzati di tali informazioni violano la policy della Società oltre a poter essere perseguibili penalmente.

Il Destinatario che, per qualsivoglia motivo, ha accesso ad informazioni confidenziali e/o privilegiate, non può utilizzarle per operazioni di mercato o per ogni altro scopo diverso dall’espletamento dei propri compiti lavorativi. Utilizzare le informazioni confidenziali per benefici personali o fornirle ad altri per eventuali decisioni di investimento è illegale ed immorale. I Destinatari devono mantenere la riservatezza sulle informazioni confidenziali e/o privilegiate affidate a loro dalla Società e/o dai soggetti esterni, a meno che la divulgazione di queste sia richiesta da leggi o regolamenti.

L’obbligo di preservare tali informazioni permane anche quando il rapporto di lavoro di un Destinatario termina. 

Competizione e transazioni corrette
Task Force Management si impegna ad affrontare la competizione in maniera leale e onesta, e ricerca vantaggi competitivi attraverso risultati superiori, mai attraverso comportamenti aziendali immorali o illegali.

È proibito sottrarre informazioni privilegiate, ottenerle senza il consenso di chi le possiede, indurre alla loro divulgazione attraverso dipendenti passati/presenti o attraverso altre Società. Ciascun Destinatario deve instaurare accordi e rapporti professionali onesti con i clienti, i fornitori, i concorrenti, i candidati e tutti i dipendenti della Società.

A nessun Destinatario è consentito cercare di ottenere vantaggi impropri attraverso manipolazioni, occultamenti, abusi di informazioni privilegiate date e/o ricevute, travisamenti di fatti materiali, o qualsiasi altra attività disonesta.

Lo scopo di qualunque tipo di omaggi e regalie è unicamente quello di creare un contesto lavorativo piacevole, non quello di ottenere vantaggi incongrui e non competitivi con i clienti o altri partner. Nessun omaggio potrà essere offerto o accettato da alcun Destinatario della Società o dai suoi famigliari nell’ambito dello svolgimento dell’attività per conto della Società. 

Rapporti con i dipendenti

Task Force Management si impegna al massimo per sviluppare le competenze ed il potenziale del proprio personale nello svolgimento delle proprie attività, affinché le capacità e le legittime aspirazioni dei singoli trovino piena realizzazione nell’ambito del raggiungimento degli obiettivi aziendali. A questo scopo si ispira l’operatività di tutte le strutture della società.

Task Force Management si impegna ad offrire le stesse opportunità di lavoro e di crescita professionale a tutti i dipendenti sulla base delle capacità e delle qualifiche professionali, senza alcuna discriminazione e/o favoritismo. Per questo Task Force Management esige che nelle relazioni di lavoro, interne ed esterne, non si verifichino molestie e discriminazioni di alcun genere.

La selezione dei candidati avviene esclusivamente sulla base della loro corrispondenza ai profili professionali richiesti dalla società. Il personale è assunto unicamente in base a regolari contratti di lavoro.

Task Force Management si impegna a curare la formazione di tutto il personale dipendente affinché le capacità e le legittime aspirazioni dei singoli trovino realizzazione in concomitanza con il raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Task Force Management gestisce il personale in base a criteri di merito e di competenza, senza alcuna discriminazione politica, sindacale, religiosa, razziale, di lingua e di sesso, nel rispetto di tutte le leggi, dei contratti di lavoro, dei regolamenti e delle direttive in vigore.

Il sistema valutativo aziendale è gestito in modo trasparente e oggettivo e costituisce presupposto per l’applicazione dei sistemi incentivanti e di progressione di carriera previsti al fine di rafforzare la motivazione, premiare con equità e favorire il conseguimento di risultati di eccellenza.

Ambiente, salute e sicurezza
Task Force Management considera le proprie persone il fattore fondamentale e irrinunciabile per lo sviluppo.

Per questo Task Force Management si impegna a fornire a ciascun dipendente un ambiente di lavoro sicuro e salutare nonché libero da pregiudizi e da ogni forma di intimidazione e/o discriminazione. A tal fine sono adottate tutte le misure necessarie per la protezione della sicurezza dell’ambiente di lavoro e della salute dei lavoratori, comprese le attività di prevenzione dei rischi professionali, di informazione e formazione, oltre che il supporto di un’organizzazione adeguata e di tutti gli strumenti operativi necessari.

In tale contesto Task Force Management si adopera inoltre in tutte le forme per minimizzare gli impatti ambientali delle proprie attività. Ciascun dipendente ha la responsabilità di concorrere a mantenere sicuro e salutare l’ambiente di lavoro seguendo le regole e procedure di salute e sicurezza e segnalando incidenti, infortuni, e strumenti, pratiche o condizioni insicuri.

Protezione e utilizzo corretto delle risorse aziendali
Tutti i Destinatari devono impegnarsi a proteggere le risorse aziendali e ad assicurare un utilizzo efficiente delle stesse.

Il furto, la mancata cura e gli sprechi hanno un impatto diretto sulla redditività dell’azienda. Ogni episodio sospetto di frode o furto deve essere segnalato tempestivamente per permettere l’indagine. Gli strumenti aziendali non devono essere utilizzati per fini non inerenti al business, sebbene ne sia consentito un uso personale coerente, parsimonioso e congruo.

Trasparenza delle attività contabili
Task Force Management, nel rispetto delle norme di legge, dei principi contabili vigenti, dei regolamenti e delle procedure interne, basa le proprie rilevazioni contabili ed i documenti che da essa derivano su informazioni precise, esaurienti e verificabili nel rispetto del principio di trasparenza, accuratezza e completezza delle informazioni contabili.

Task Force Management si adopera affinché il sistema amministrativo-contabile sia affidabile e rappresenti in maniera corretta tutti i fatti di gestione per prevenire e fronteggiare al meglio i rischi di natura finanziaria ed operativa e le possibili frodi a danno del Gruppo.

Task Force Management non conserverà fondi e beni non dichiarati se non nei casi espressamente consentiti dalle leggi o dai regolamenti in vigore.

Tutti i Destinatari, a qualunque titolo coinvolti nei processi amministrativi contabili, sono tenuti ad operare in modo da garantire il corretto e puntuale funzionamento del sistema stesso e per tale via la completezza e l’accuratezza delle informazioni e della documentazione finanziaria.

Nessun Destinatario si lascerà coinvolgere in qualsiasi attività che eluda i sistemi di controllo finanziario interno dell’azienda.

Tutti i Destinatari sono tenuti a segnalare qualsiasi informazione relativa a possibili violazioni dei sistemi di controllo finanziario e della contabilità di Task Force Management.

I Revisori contabili devono avere libero accesso ai dati, ai documenti ed alle informazioni necessarie per svolgere le loro attività.

Rapporti coi clienti e i fornitori
I rapporti con i clienti devono essere caratterizzati dal rispetto e dalla condivisione degli obiettivi, nello spirito di professionalità, responsabilità ed integrità.

I contratti, redatti in conformità delle norme di legge di vigenti, sono caratterizzati da trasparenza, completezza e chiarezza.

Task Force Management si impegna a non attuare alcun comportamento elusivo o scorretto nei confronti dei propri clienti.

Parimenti nella selezione dei fornitori e nella definizione delle condizioni di acquisto dei beni e servizi Task Force Management adotta principi di liceità, concorrenza, imparzialità e equità valutando accuratamente il panorama delle offerte.

I processi di acquisto devono essere improntati alla ricerca del massimo vantaggio competitivo per il Gruppo e alla imparzialità nei confronti di ogni fornitore in possesso dei requisiti richiesti.

Rapporti con la Pubblica Amministrazione
I rapporti di Task Force Management con la Pubblica Amministrazione ed in generale con tutte le Istituzioni Pubbliche locali, nazionali, comunitarie e internazionali sono tenuti dai soli Destinatari dotati di mandato esplicito.

Nei rapporti con la Pubblica Amministrazione e le Istituzioni Pubbliche i Destinatari sono tenuti al rispetto della legge e alla massima trasparenza, chiarezza, correttezza per non indurre a interpretazioni parziali, falsate, ambigue o fuorvianti i soggetti istituzionali con i quali si intrattengono relazioni a vario titolo.

Le dichiarazioni rese alla Pubblica Amministrazione e alle Istituzioni Pubbliche devono contenere solo elementi assolutamente veritieri, devono essere complete e basate su validi documenti per garantirne la corretta valutazione da parte delle stesse Istituzioni interessate.

Per questo, nei rapporti con i rappresentanti della Pubblica Amministrazione e le Istituzioni Pubbliche è vietato:
1. Promettere o concedere benefici di qualsiasi natura, al fine di influenzare l’indipendenza di giudizio o di ottenere un qualsiasi vantaggio per la Società
2. Sollecitare o ottenere informazioni riservate che possano compromettere l’integrità o la reputazione di entrambe le parti o che comunque violino la parità di trattamento e le procedure di evidenza pubblica attivate dalle Istituzioni Pubbliche o da Pubblici Funzionari
3. Tenere una condotta ingannevole che possa indurre la Pubblica Amministrazione in un errore di valutazione tecnico-economica dei prodotti e dei servizi offerti/ forniti

Rapporti con i mezzi di informazione
Ogni comunicazione agli organi di stampa (cartacei e/o on-line) è demandata esclusivamente alle funzioni a ciò preposte o ai Destinatari a tale scopo autorizzati.

I Destinatari si impegnano, in attuazione dei valori di integrità, trasparenza, legalità e imparzialità a fornire ai rappresentanti dei mass media informazioni complete e veritiere.

Riciclaggio, autoriciclaggio e ricettazione
La Società si oppone fermamente al compimento di qualsiasi condotta di impiego, sostituzione e trasferimento in attività aziendali, di denaro, beni o ogni altra utilità provenienti dalla commissione di delitti, facendo divieto ai propri dipendenti, compresi i dirigenti, ai membri degli organi sociali, a tutti i collaboratori ed, in ogni caso, a tutti i destinatari del presente Codice, di compiere o concorrere nel compimento di fatti riconducibili a riciclaggio, autoriciclaggio, ricettazione ed impiego di denaro, beni e ogni altra utilità di provenienza illecita.

Modalità di attuazione e sanzioni

Attuazione del Codice Etico
Il Codice Etico è adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione della Società. Ogni aggiornamento dello stesso sarà adottato con successiva delibera del Consiglio di Amministrazione, anche eventualmente su proposta dell’Organismo di Vigilanza, a seguito di possibili mutamenti organizzativi all’interno della Società, di diversi scenari esterni, oltre che in relazione all’esperienza acquisita nel corso del tempo.

Compiti dell’Organismo di Vigilanza
L’Organismo di vigilanza è l’organo di controllo preposto a vigilare sull’applicazione dei principi contenuti nel Codice e a contribuire nella definizione dei provvedimenti disciplinari/sanzionatori per le gravi violazioni.

L’Organismo di Vigilanza, tra le varie attività di propria competenza, ha la responsabilità:
1. Di vigilare sulla diffusione, comprensione e attuazione del Codice Etico
2. Di gestire le segnalazioni ricevute con riferimento a situazioni o comportamenti contrari ai principi espressi dal Codice
3. Di contribuire alla definizione dei provvedimenti disciplinari/sanzionatori per le gravi violazioni

Segnalazioni
I Destinatari del presente Codice Etico sono tenuti ad attenersi ai principi comportamentali in esso descritti. In nessun caso il perseguimento dell’interesse di Task Force Management può giustificare una condotta in violazione e/o in difformità di tali disposizioni. Qualora il Destinatario venga a conoscenza di situazioni o comportamenti contrari ai principi espressi dal Codice deve immediatamente informare l’Organismo di Vigilanza.

Si ricorda che l’obbligo di informare il datore di lavoro di eventuali comportamenti contrari al Codice Etico rientra nel più ampio dovere di diligenza ed obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro. Di conseguenza il corretto adempimento all’obbligo di informazione da parte del prestatore di lavoro non può dare luogo all’applicazione di sanzioni disciplinari. Per contro, ogni informativa impropria, sia in termini di contenuti che di forma, determinata da una volontà calunniosa, sarà oggetto di opportune sanzioni disciplinari.

In particolare valgono le seguenti prescrizioni:
1. Ogni informazione e segnalazione, da chiunque provenga, comprese quelle attinenti ad ogni violazione o sospetto di violazione dei principi sanciti nel Codice Etico, deve essere effettuata per iscritto e in forma non anonima
2. L’Organismo di Vigilanza garantisce agli autori delle segnalazioni la protezione da qualsiasi forma di ritorsione, discriminazione, penalizzazione o ogni altra conseguenza derivante dalla loro azione. L’Organismo di Vigilanza assicura anche agli autori delle segnalazioni la riservatezza sulla loro identità, fatti comunque salvi gli obblighi di legge e la tutela dei diritti di Task Force Management o delle persone accusate erroneamente e/o in mala fede
3. Le informazioni e segnalazioni devono essere inviate ad opera dell’interessato direttamente all’Organismo di Vigilanza;
4. L’Organismo di Vigilanza valuta le segnalazioni ricevute. Tutti i soggetti destinatari degli obblighi informativi sono tenuti a collaborare con l’Organismo stesso, al fine di consentire la raccolta di tutte le ulteriori informazioni ritenute necessarie per una corretta e completa valutazione della segnalazione.

Violazioni e sanzioni
Ogni violazione o ogni comportamento potenzialmente in violazione del Codice devono essere portati a conoscenza dell’Organismo di Vigilanza. L’applicazione delle sanzioni disciplinari prescinde dall’avvio o dall’esito di un eventuale procedimento penale, in quanto il Codice Etico rappresenta regole vincolanti per tutti i Destinatari, la violazione delle quali va sanzionata indipendentemente dall’effettiva realizzazione di un reato o dalla punibilità dello stesso ad opera della magistratura.

Ogni eventuale violazione dei suddetti principi rappresenta, se accertata:
1. Nel caso di dipendenti e dirigenti, un inadempimento contrattuale in relazione alle obbligazioni che derivano dal rapporto di lavoro ai sensi dell’art. 2104 cod. civ. e dell’art. 2106 cod. civ.
2. Nel caso di amministratori, l’inosservanza dei doveri ad essi imposti dalla legge e dallo statuto ai sensi dell’art. 2392 cod. civ.
3. Nel caso di soggetti esterni, costituisce inadempimento contrattuale e legittima a risolvere il contratto, fatto salvo il risarcimento del danno
L’Organismo di Vigilanza verifica che siano adottate procedure specifiche per l’informazione di tutti i Destinatari, sin dal sorgere del loro rapporto con la Società, circa l’esistenza ed il contenuto del presente apparato sanzionatorio. In caso di violazione delle norme contenute nel presente Codice Etico, l’Organismo di Vigilanza, svolte le opportune indagini e le proprie valutazioni, valuta in ordine alla sussistenza o meno di dette violazioni e propone al Consiglio di Amministrazione della Società l’adozione dei provvedimenti opportuni e l’eventuale irrogazione di sanzioni.

La Società si impegna a prevedere e comminare con coerenza, imparzialità ed uniformità sanzioni proporzionate alle violazioni del Codice Etico e conformi alle vigenti disposizioni in materia di regolamentazione del rapporto di lavoro (CCNL).

Per le sanzioni derivanti dalla violazione delle prescrizioni del presente Codice Etico trovano applicazioni i principi e le regole previsti dal Sistema Disciplinare di cui alla Parte Generale del Modello di organizzazione, gestione e controllo adottato ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 adottato da Task Force Management.

it IT en EN ru RU